MENU CLOSE
festa sant'Efisio

Eventi in Sardegna

i nostri consigli sulle feste folkloristiche più belle …

La Sardegna è una regione ricca di eventi, da quelli religiosi a quelli culturali, folkloristici e legati alla tradizione culinaria. In questo articolo vi presentiamo tra le più importanti manifestazioni ed eventi che potrete vedere a seconda del periodo in cui visiterete questa meravigliosa terra.

CAGLIARI 1-4 Maggio

Festa di Sant’Efisio

Le celebrazioni includono la processione più lunga (circa 80 km per la durata di 4 giorni). Il 1° maggio la statua del Santo viene caricata su un carro a buoi dalla Chiesa di Sant’Efisio seguita da “traccas” (carri addobbati), cavalieri, autorità civili e religiose, musicisti e fedeli in costumi storici che percorrono le vie principali di Cagliari. Il giorno successivo la processione raggiunge Pula e le rovine di Nora. Il 3 maggio, dopo la funzione religiosa, tutti festeggiano e ai poveri viene offerto il pranzo. L’ultimo giorno, la processione torna dove tutto è iniziato.

NUORO Agosto

La Festa del Redentore

Una festa molto vivace con sfilata in costume, canti tradizionali, balli e cibo locale nel centro del capoluogo.

ORISTANO domenica e martedì di carnevale

Sartiglia

La “Sartiglia”, torneo cavalleresco di origine spagnola, prende il nome da “sortija”, torneo militare saraceno risalente al Medioevo. Lo scopo della competizione è quello di infilare una spada tesa in un anello a forma di stella appeso sopra la pista, mentre si cavalca un cavallo al galoppo. Protagonista dello spettacolo è su “Componidori”, un cavaliere scelto tra i giovani del villaggio. Particolarmente allettante è il rito dell’abbigliamento.

SASSARI Penultima domenica di maggio

Cavalcata Sarda

Alcuni ritengono che la cavalcata voglia ricordare la vittoria delle forze sarde e pisane sui Saraceni intorno all’anno Mille. La sera prima della corsa, gruppi folcloristici provenienti da tutte le parti dell’isola (tremila persone in costumi storici) si esibiscono nella piazza principale del paese con balli, canti e musica tradizionale. La cavalcata, la domenica, coinvolge centinaia di cavalli provenienti da tutte le parti della Sardegna e cavalieri che dimostrano le loro capacità di cavalcare. Nel pomeriggio c’è una vera e propria corsa al galoppo, con i cavalieri che indossano costumi storici.

14 agosto – Processione dei Candelieri

Grandi candelabri vengono portati in processione in ricordo di eventi miracolosi avvenuti nel corso dei secoli XVI e XVII. Il giorno 13, il sassarese che abita più lontano e che per l’occasione è rientrato riceve il “Candeliere d’oro”, mentre il sassarese che parte per la maggior parte in altre regioni d’Italia è insignito del “Candeliere d’argento”. La sera prima della processione, nove candelabri di legno alti tre metri e riccamente decorati (ciascuno portato da 8 uomini e che rappresentano una corporazione locale) vengono portati per le strade. Il giorno successivo, una processione lascia la chiesa principale, serpeggiando per le vie del paese. La sera i festeggiamenti continuano nella piazza principale con degustazioni, balli e spettacoli pirotecnici.

Scrivi il tuo messaggio